Anche il telelavoro può essere produttivo

Scrivania Portatile pc

Il telelavoro sta gradualmente prendendo piede in Spagna ed è stato sostenuto da alcune aziende leader. Repsol ha avviato un programma combinato di telelavoro/orario d’ufficio a cui si sono già iscritti quasi 1.000 lavoratori. Indagini condotte sia sui lavoratori che sui dirigenti hanno dimostrato che il sistema funziona e che l’equilibrio tra lavoro e vita familiare è facilitato dalle moderne tecnologie.

Fino a poco tempo fa, consentire al personale di aziende private o uffici governativi di lavorare da casa sarebbe sembrato uscito da un film di fantascienza; ora, è una realtà tecnologica. Tuttavia, l’IT da solo non garantisce il successo. Affinché il telelavoro possa prendere piede sia il management aziendale che i lavoratori devono dare il loro sostegno, e gli atteggiamenti tradizionali che attribuiscono più importanza alla presenza fisica che ai risultati dovranno cambiare.

Verso il lavoro per obiettivi

Telelavoro Produttivo

L’idea del telelavoro è nata negli anni ’70 quando il fisico americano Jack Niles, esplorando il modo migliore per ottimizzare le risorse, ha creato il concetto di ‘telelavoro’. Proponeva di ‘portare il lavoro all’operaio, e non l’operaio al lavoro’, risparmiando così il viaggio giornaliero da e per l’ufficio. Tuttavia, è stato solo negli anni ’90 che gli sviluppi nell’IT hanno permesso alle grandi aziende statunitensi come AT&T di adottare questo sistema.

Da allora, il telelavoro è stato gradualmente accettato e in paesi come la Finlandia e gli Stati Uniti oltre il 15% della popolazione attiva lavora da casa. I progressi in Spagna sono stati più lenti, con stime che suggeriscono che circa l’8% dei lavoratori lavora da casa a tempo pieno o part-time. Il telelavoro è strettamente legato a valori come il concetto di lavorare per obiettivi, la fiducia tra datore di lavoro e dipendente o la riconciliazione.

“Alcune persone continuano a non pensare al telelavoro come un vero lavoro. Ricevo ancora telefonate da persone che si scusano per avermi chiamato a casa, anche se gli atteggiamenti stanno cambiando” spiega Jorge Prats, un tecnico del dipartimento Sicurezza, Ambiente e Qualità di Repsol che lavora da casa un giorno alla settimana. “Trovo sempre più spesso, dopo aver lavorato con i colleghi, che uno o entrambi lavoriamo da casa, ma il nostro rapporto di lavoro è ugualmente fluido e proficuo”.

Telelavoro a Repsol

Jorge è uno dei quasi 1.000 dipendenti Repsol che hanno aderito al programma di telelavoro dell’azienda. I partecipanti a questo progetto svolgono parte del loro orario di lavoro da casa. Repsol offre diverse opzioni di telelavoro, che vanno dal lavoro da casa uno o due giorni interi alla settimana, o per il 20% dell’orario di lavoro giornaliero.

Il programma è stato avviato nel 2006 a seguito dei risultati di un’indagine sul clima nei luoghi di lavoro che ha rivelato la necessità di introdurre misure di conciliazione. “Il telelavoro rende la mia attività quotidiana molto più semplice. Ho due bambini piccoli e questa opzione mi consente di trascorrere più tempo in famiglia senza che ciò influisca sui miei obblighi professionali” spiega Begoña Navas, Strategic Marketing Manager di Repsol, che telelavora per il 20% di lei giorno lavorativo.

I lavoratori partecipano al progetto su base volontaria; hanno ancora accesso ai loro uffici e conservano tutti i loro diritti e benefici sul lavoro. Le basi del programma sono state concordate con i sindacati e l’opzione è disponibile per tutte le categorie professionali, purché adattabile alle esigenze del lavoro. Repsol fornisce ai propri dipendenti le risorse necessarie: banda larga, computer e telefono cellulare.

Parallelamente all’introduzione del telelavoro, Repsol ha condotto un’indagine sia sui dipendenti che sul management, con entrambi i gruppi che hanno espresso un’opinione molto alta del sistema. Secondo Begoña Navas, “Ti senti più felice e più motivato, e penso che questo abbia un effetto molto positivo sulla qualità del tuo lavoro”. I manager Repsol, da parte loro, non credono che il telelavoro abbia alcun effetto negativo sulle prestazioni dei propri dipendenti o su quelle degli altri membri del team e affermano che riduce lo stress dei dipendenti.

Il telelavoro ha i suoi limiti

Il progetto pilota ha anche rivelato alcuni rischi associati a questo sistema, portando a modifiche apportate al progetto prima della sua completa attuazione. Ad esempio, inizialmente è stato incluso un programma di telelavoro di 3 giorni alla settimana, sebbene questo sia stato abbandonato quando i dipendenti hanno riferito di sentirsi troppo distaccati dal lavoro quotidiano dell’azienda. Per evitare l’isolamento, è stato stabilito un limite settimanale del 40% dell’orario di lavoro, insieme a regolari incontri di follow-up e di contatto.

Secondo Jorge Prats, i telelavoratori devono essere in grado di gestire il proprio tempo: “Fraintendere il concetto di flessibilità può portare a lavorare più ore del necessario a causa di una cattiva organizzazione del proprio tempo. Per cominciare, ho dovuto fare uno sforzo per pianificare quali compiti potrei svolgere in modo più efficace da qui. Con qui intendo la mia casa, perché sto facendo questa intervista da casa mia. Ora, è solo una cosa ovvia.”

Stabilite queste limitazioni, i dipendenti che partecipano al progetto non erano d’accordo con una premessa ampiamente accettata, ovvero che il telelavoro può essere un ostacolo all’avanzamento professionale. “Non ho mai pensato che questo potesse essere un handicap”, ha detto Begoña Navas. “Conosco infatti parecchie persone che partecipano al progetto che sono state promosse, e anche incaricate di nuovi lavori che prevedono la gestione del team”.

In Repsol, il telelavoro è inteso come una misura di riconciliazione nel senso più ampio del termine e nessun dipendente che richiede il telelavoro viene interrogato sulle sue motivazioni. Sei partecipanti su dieci sono telelavoratori e la maggior parte ha tra i 30 ei 49 anni. Casi come quello di Jorge Prats dimostrano che questa opzione non è disponibile solo per i team leader: “Conosco le nuove tecnologie e mi interessa l’innovazione, per questo ho pensato che questa sarebbe stata una buona opportunità per me. Ho sempre pensato che fosse un buon modo per conciliare lavoro e vita personale”.

“Alcuni pensano che il telelavoro sia solo per organizzare meglio la tua agenda quando hai bambini piccoli”, aggiunge. “Penso che possa essere molto utile in tali circostanze, anche se in una grande azienda come la nostra ci sono anche altre circostanze come la mia, dove il telelavoro può essere una soluzione ideale”.

Telelavoro in Spagna

Non ci sono norme legali specifiche che disciplinano il telelavoro in Spagna, anche se il governo ha annunciato che intende promuovere il concetto come parte delle sue politiche di conciliazione. Alcune regioni autonome, come Euskadi e Castiglia e Leon, stanno già lavorando alla legislazione. Il telelavoro sta guadagnando terreno nelle grandi aziende e negli uffici governativi, ma deve ancora essere ampiamente accettato dalle PMI. Essendo una delle aziende con il maggior numero di telelavoratori, Repsol sta preparando un Libro bianco per promuovere la propria esperienza in questo campo e aiutare altre aziende.

La diffusione delle reti in fibra ottica o lo sviluppo dei dispositivi mobili dovrebbe facilitare ulteriormente il telelavoro e diversi studi suggeriscono che anche la società è pronta a questo cambiamento. Secondo un sondaggio realizzato dal portale per l’impiego Monster.es, il 57% della forza lavoro spagnola vorrebbe che la propria azienda offrisse loro la possibilità di lavorare da casa.

“Secondo me”, dice Begoña, “e ad eccezione di alcuni lavori, la qualità e la quantità di lavoro svolto non è influenzata dal fatto che si lavori da casa o dall’ufficio. Inoltre, penso che qualsiasi dipendente che opti per il telelavoro, e gli viene data l’opportunità di farlo, è estremamente motivato. Per me è una situazione win-win”. Forse il futuro sta nei sistemi combinati, come quello adottato da Repsol, che combina l’orario d’ufficio con il lavoro da casa nel tentativo di sfruttare al meglio entrambi i mondi.

Condividi questo articolo:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp