Olio di Gondwanawa

Piattaforma petrolifera

Se guardi una mappa del mondo, le coste dell’Africa e del Sud America sembrano combaciare perfettamente, come i pezzi di un puzzle, un fatto che illustra la loro storia geologica. Circa 120 milioni di anni fa entrambi i continenti facevano parte di un super continente chiamato Gondwana, che è stato diviso dall’Oceano Atlantico, lasciando sedimenti costieri molto simili su entrambe le sponde dell’oceano. Ciò ha portato i geologi a credere che i giacimenti di petrolio trovati nello strato di pre-sale brasiliano possano essere rispecchiati dall’altra parte dell’oceano.

Il concetto di Gondwana è stato suggerito per la prima volta dai paleontologi, che hanno trovato fossili di specie come Mesosaurus, un rettile d’acqua dolce, su entrambe le sponde dell’Atlantico meridionale, l’unica spiegazione possibile è che entrambi i continenti erano stati uniti in qualche momento. I geologi hanno anche trovato gli stessi tipi di roccia e modelli strutturali, ma nessuno era ancora in grado di spiegare come il Sud America e l’Africa si fossero divisi.

Dinamiche della Terra

Solo negli anni ’60 è stata proposta una spiegazione scientifica, come Marcos Mozetic, geologo e direttore esecutivo per l’esplorazione di Repsol, spiega Marcos Mozetic, “Era basata sulla tettonica a zolle, una teoria che era rivoluzionaria per i geologi quanto lo era la teoria di Darwin. per i biologi”.

La tettonica a zolle spiega perché la crosta terrestre si muove. La crosta, che giace su uno strato flessibile, detto mantello, è più rigida ed è suddivisa in placche tettoniche, e queste sono in costante movimento. Quando fu introdotta per la prima volta, la teoria incontrò una forte opposizione. “Vogliamo tutti vivere su un terreno stabile e non vogliamo sentire che il luogo in cui viviamo si sposta ogni giorno”, scherza Mozetic. Le placche tettoniche si muovono a una velocità di circa 2,5 cm all’anno, circa la stessa lunghezza delle unghie che crescono nello stesso tempo.

“Improvvisamente, tutto è andato a posto, e abbiamo capito come sono nate montagne e oceani, e cosa ha causato vulcani e terremoti. E un aspetto di particolare interesse per quelli di noi coinvolti nell’esplorazione petrolifera: perché esistono bacini sedimentari, che è dove gli idrocarburi si trovano”.

Gondwana si rompe

Circa 128 milioni di anni fa, nel primo Cretaceo, le placche africane e sudamericane iniziarono a separarsi. Ora sappiamo che tra quello che oggi è il Brasile e l’Africa orientale si è formato un gigantesco lago di acqua salata in cui le condizioni erano ideali per creare e conservare il petrolio: acque chiuse, anossiche, depositi di materia organica e sale per preservare la formula.

“L’evento successivo è stato l’apertura dell’Oceano Atlantico”, continua Mozetic, “ma il sale era già stato depositato sul fondo dell’oceano. Il sale è completamente impermeabile e il miglior mezzo per conservare l’olio”.

Sale, il miglior alleato dell’olio

“Fino a poco tempo, la domanda era: qual è la differenza tra il Vicino Oriente e altri paesi ricchi di petrolio? Oggi sappiamo che è sale. Iran, Iraq, Arabia Saudita… tutti hanno un grande mantello di sale che ha preservato gran parte dei loro giacimenti di petrolio , impedendo loro di degradarsi e drenare. E lo stesso vale qui. Lo strato di pre-sale è interessante perché tutto l’olio creato sta al di sotto di esso. Il problema è trovarlo e portarlo in superficie”.

I geologi Repsol ora vogliono portare ciò che hanno appreso nelle profondità oceaniche del Brasile fino alla costa orientale dell’Africa, dove negli ultimi anni l’azienda ha effettuato alcuni dei più importanti ritrovamenti di petrolio e gas al mondo. La sfida tecnologica è enorme. Prendiamo ad esempio l’ultima importante scoperta di Repsol nello strato di pre-sale brasiliano, dove il petrolio giace sotto più di 2.000 metri d’acqua.

Lì, le ipotesi dei geologi sono state confermate: “In Brasile la tecnologia è stata decisiva: la possibilità di esplorare al largo, ma anche la certezza che lì si trovassero le condizioni giuste”. Fino agli anni ’70, i centri dei bacini marini non erano ritenuti prospettici. Ma poi, è stato scoperto il modo in cui un buon sedimento di stoccaggio del petrolio viene portato dalla costa al fondo del mare “E questo è ciò che ha davvero cambiato la prospezione petrolifera in Brasile”.

Anche l’Africa orientale ha il suo strato di pre-sale

Olio di Gondwanawa - Africa Orientale

Ora, tutti gli occhi sono sulla costa africana. “Perché siamo lì? Sappiamo che in Brasile sono stati scoperti grandi giacimenti, e ci sono anche grandi giacimenti nel delta del Niger e in Angola. Tuttavia, le prospettive sono cambiate con le scoperte fatte negli ultimi 10 anni, con l’avvento di esplorazione dello strato pre-sale delle acque profonde”.

La risposta è in mare, sulle piattaforme continentali. La prospezione è focalizzata sulle aree dell’Africa situate di fronte ai bacini di Santos e Campos (Brasile) prima dello scioglimento del Gondwana. Oggi questa è l’Angola e la costa meridionale del Gabon. “Ci sono forti somiglianze tra le immagini sismiche del Sud America e dell’Africa, ed è per questo che pensiamo che lì si possa trovare un volume simile ai 45 miliardi di barili trovati in Brasile”.

Repsol ha già vinto tre degli undici blocchi di pre-sale assegnati dall’Angola. Tutti e tre sono situati nel bacino del Kwanza, un’area che i geologi vedono come un prolungamento del suo gemello ricco di petrolio, il bacino di Santos in Brasile. Il servizio geologico statunitense ha stimato che l’Angola potrebbe contenere almeno 30 miliardi di barili di petrolio, equivalenti alle risorse della Nigeria o del Qatar. Nelle parole di Marcos Mozetic, “Abbiamo testato il nostro modello sottosalino in Brasile e abbiamo ottenuto ottimi risultati. Quindi questo è ovviamente un concetto che merita un ulteriore sviluppo”.

Alla ricerca del petrolio di domani

L’era del petrolio facile è finita, e ora dobbiamo trovare il nostro petrolio in zone sempre più oscure, profonde e inaccessibili. L’esplorazione si basa su calcoli effettuati dai geologi e lo studio della storia della terra li aiuta a sapere cosa cercare e dove trovarlo. “Cerchiamo di utilizzare la geologia per ampliare le nostre conoscenze, anche se non possiamo dare garanzie complete, perché i rischi ci sono sempre”. Grazie a questa conoscenza, l’industria petrolifera ha compiuto enormi progressi negli ultimi anni.

Teorie come la tettonica a zolle sono ancora utilizzate a vantaggio. I geologi sanno che l’Africa si sta dividendo in due e che il lato orientale si sta lentamente separando dal continente principale intorno all’area dei grandi laghi. Una nuova frattura si sta già aprendo, dando luogo alle stesse condizioni che hanno prodotto il petrolio in altre parti della terra. “Siamo in una fase in cui la “roccia” può essere facilmente accumulata e questo può produrre petrolio. Ci sono grandi laghi, ambiente anossico e conservazione della materia organica a un livello sufficientemente profondo per la creazione di petrolio. Ecco perché l’Uganda ha olio”.

“Questo è un momento interessante”, conclude Mozetic, “in cui una teoria che era ancora in discussione negli anni ’60 è stata ora dimostrata e tutte le ipotesi iniziali sono state confermate in luoghi come l’Uganda”. Il Gondwana impiegherà milioni di anni per dividersi di nuovo, ma il petrolio è già in produzione.

Condividi questo articolo:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp