Repsol rafforza la sua alleanza con Pontegadea attraverso un portafoglio rinnovabile di 618 MW

  • Pontegadea collabora nuovamente con Repsol, acquisendo una quota del 49% in un portafoglio di rinnovabili di 618 MW per 363 milioni di euro.
  • Il portafoglio è composto da dodici parchi eolici (398 MW) nelle regioni spagnole di Aragona e Castiglia e Leon, e due impianti solari fotovoltaici (220 MW) in Castiglia-La Mancia e Andalusia. Comprende anche progetti con potenziale di ibridazione, che aggiungerebbero ulteriori 279,2 MW.
  • Questa transazione valorizza il 100% degli asset, compresi i progetti con potenziale di ibridazione, a 740 milioni di euro.
  • Si tratta della terza operazione di Repsol con Pontegadea che ha già acquisito il 49% dei parchi eolici Delta nel 2021 e del complesso fotovoltaico Kappa nel 2022.
  • L’accordo fa parte della strategia di Repsol volta a coinvolgere partner per accelerare il raggiungimento degli obiettivi e massimizzare il ritorno sulle operazioni dell’azienda.

Download documento


Repsol ha stretto una nuova alleanza con Pontegadea, uno dei principali gruppi di investimento privati ​​al mondo, incorporandolo come partner, con una quota del 49%, in un portafoglio di 618 MW di asset rinnovabili per 363 milioni di euro. L’operazione valorizza il portafoglio complessivo in 740 milioni di euro.

Questo accordo, che rappresenta la terza partecipazione di Pontegadea alle attività rinnovabili di Repsol, consolida l’alleanza tra le due società e rafforza la strategia di Repsol di coinvolgere partner o investitori nelle imprese per accelerare il raggiungimento degli obiettivi e massimizzare il ritorno sulle operazioni del gruppo.

Questo portafoglio di asset è composto da dodici parchi eolici situati a Huesca, Saragozza e Teruel (regione di Aragona) e Valladolid (Castiglia e Leon), con una capacità installata totale di 398 MW, oltre a due impianti solari fotovoltaici , situato ad Albacete (Castiglia-La Mancia) e Cadice (Andalusia), con 220 MW. Inoltre, il portafoglio comprende progetti con potenziale di ibridazione, che aggiungerebbero ulteriori 279,2 MW. Insieme, l’energia generata da questi asset eviterà l’emissione nell’atmosfera di circa 714.450 tonnellate di CO 2 ogni anno.

Pontegadea ha già collaborato con Repsol, acquisendo quote di minoranza (49%), in altri due asset rinnovabili: i parchi eolici Delta (Saragozza, Aragona), nel novembre 2021, per 245 milioni di euro, e il complesso fotovoltaico Kappa (Manzanares, Castiglia- La Mancha) nel luglio 2022, per 27 milioni di euro.

Oltre a Pontegadea, Repsol ha incorporato The Renewables Infrastructure Group (TRIG) nel complesso fotovoltaico di Valdesolar (Badajoz) e ha stretto un’alleanza con Credit Agricole Assurances ed EIP nel settore della generazione rinnovabile dell’azienda per stimolarne la crescita.

Repsol ha un portafoglio globale di energia rinnovabile di 2.300 MW in funzione, 3.000 MW in costruzione e un portafoglio di progetti in diverse fasi di sviluppo in Spagna, Stati Uniti, Cile e Italia. L’obiettivo è raggiungere i 6.000 MW di generazione rinnovabile installata entro il 2025 e i 20.000 MW entro il 2030.

A proposito di Pontegadea

Il Gruppo Pontegadea controlla la quota di maggioranza di Inditex – con il 59,29% del capitale – ed è uno dei principali gestori patrimoniali immobiliari privati ​​al mondo, con un portafoglio di asset di prima qualità localizzati in Europa, America e Asia. Pontegadea ha anche altri investimenti finanziari e partecipazioni in società di infrastrutture. Con questa nuova operazione, Pontegadea consolida il suo ruolo di uno dei principali investitori nel settore delle energie rinnovabili, ampliando il proprio portafoglio a oltre 1.000 MW.

Questo documento contiene informazioni e dichiarazioni che costituiscono dichiarazioni previsionali su Repsol. Tali stime o proiezioni possono includere dichiarazioni su piani, obiettivi e aspettative attuali, comprese dichiarazioni riguardanti le tendenze che influenzano la condizione finanziaria di Repsol, i rapporti finanziari, i risultati operativi, l’attività, la strategia, la concentrazione geografica, i volumi di produzione e le riserve, le spese in conto capitale, i risparmi sui costi, gli investimenti e politiche dei dividendi. Tali stime o proiezioni possono includere anche ipotesi su future condizioni economiche o di altro tipo, come futuri prezzi del petrolio greggio o altri prezzi, margini di raffinazione o di marketing e tassi di cambio. Le dichiarazioni previsionali sono generalmente identificate dall’uso di termini come “si aspetta”, “anticipa”, “prevede”, “ritiene”, “stima”, “apprezza” ed espressioni simili. Tali dichiarazioni non sono garanzia di prestazioni future, prezzi, margini, tassi di cambio o qualsiasi altro evento e sono soggette a rischi significativi, incertezze, cambiamenti e altri fattori che potrebbero essere fuori dal controllo di Repsol o potrebbero essere difficili da prevedere. Tali rischi e incertezze includono i fattori e le circostanze identificati nelle comunicazioni e nei documenti presentati da Repsol e dalle sue controllate alla Comisión Nacional del Mercado de Valores in Spagna e alle altre autorità di vigilanza dei mercati in cui i titoli emessi da Repsol e/o le sue filiali sono quotate. Fatta eccezione per quanto richiesto dalla legge applicabile, Repsol non si assume alcun obbligo, anche quando vengono pubblicate nuove informazioni o vengono prodotti nuovi fatti, a segnalare pubblicamente l’aggiornamento o la revisione di tali dichiarazioni previsionali.

Il presente documento non costituisce un’offerta o un invito all’acquisto o alla sottoscrizione di titoli, ai sensi delle disposizioni della Legge spagnola 6/2023, del 17 marzo, dei Mercati Mobiliari e dei Servizi di Investimento e dei suoi regolamenti di attuazione. Inoltre, il presente documento non costituisce un’offerta di acquisto, vendita o scambio, né una richiesta di offerta di acquisto, vendita o scambio di titoli in qualsiasi altra giurisdizione.

Le informazioni contenute nel documento non sono state verificate o riviste dai revisori di Repsol.

Articolo in lingua inglese e spagnolo

Condividi questo articolo:

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp