Repsol riceve la prima nave che trasporta olio da cucina usato per il suo nuovo impianto di combustibili rinnovabili a Cartagena  

  • La nave ha scaricato nel porto di Cartagena le prime 7.500 tonnellate di olio alimentare usato che il complesso industriale trasformerà in combustibili rinnovabili nel suo nuovo impianto. 
  • I nuovi biocarburanti avanzati, che possono essere utilizzati in qualsiasi veicolo – automobile, camion, barca o aereo – senza la necessità di apportare modifiche al motore, rappresentano una pietra miliare per ridurre immediatamente le emissioni di CO 2 in mobilità.
  • Repsol lancerà il primo impianto di biocarburanti avanzati in Spagna a Cartagena. Avrà la capacità di produrre 250.000 tonnellate all’anno ed eviterà l’emissione di 900.000 tonnellate di CO 2 , l’equivalente di quanto assorbono 45 milioni di alberi.  

Download documento


Il complesso industriale di Repsol a Cartagena ha ricevuto la prima nave con olio da cucina usato da utilizzare come materia prima nel primo impianto di combustibili rinnovabili della Spagna. La nave, arrivata da Huelva, nel sud della Spagna, ha scaricato 7.500 tonnellate di olio alimentare usato.

Repsol sta trasformando i suoi complessi industriali in centri multi-energia con la capacità di produrre carburanti con un’impronta di carbonio bassa o pari a zero. Un esempio è l’impianto di biocarburanti avanzati che ha costruito nei suoi stabilimenti di Cartagena, in cui ha investito più di 200 milioni di euro, e che produrrà 250.000 tonnellate di combustibili rinnovabili all’anno da rifiuti come l’olio da cucina usato.

Con questo progetto, Repsol avanza nella sua trasformazione industriale con l’uso di materie prime riciclate per offrire ai propri clienti carburanti rinnovabili al 100%. I nuovi biocarburanti avanzati, che possono essere utilizzati in qualsiasi veicolo – automobile, camion, nave o aereo – senza la necessità di modifiche al motore, rappresentano una pietra miliare nella riduzione immediata delle emissioni di CO 2 nella mobilità.

I combustibili rinnovabili sono combustibili liquidi prodotti da materie prime rinnovabili. Hanno proprietà simili ai combustibili convenzionali e sono a zero emissioni nette, poiché la CO 2 rilasciata durante il loro utilizzo è pari alla CO 2 precedentemente rimossa dall’atmosfera dalla materia prima organica.

Repsol riceverà circa 300.000 tonnellate di rifiuti all’anno nel porto di Cartagena, tra cui l’olio da cucina usato avrà un ruolo molto rilevante.

Articolo in lingua inglese e spagnolo

Condividi questo articolo:

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp