Repsol YPF apre un ufficio a Mosca per supportare la crescente presenza dell’azienda in Russia

  • La società ha investito 33 milioni di euro nell’acquisizione di 44 stazioni di servizio.
  • E ha avuto un fatturato stimato di 800 milioni di euro nel 2005.

Repsol YPF aprirà un ufficio a Mosca per seguire le crescenti attività dell’azienda in Russia con l’obiettivo di dare impulso a nuovi progetti e cogliere le opportunità offerte dall’industria petrolifera russa in modo più rapido ed efficiente. La presenza della società nella capitale russa intensificherà inoltre i rapporti commerciali con le maggiori società nazionali e faciliterà l’individuazione di aperture per joint venture con nuovi partner.

Repsol YPF si sta facendo strada nel mercato energetico russo e ha recentemente siglato un accordo strategico con West Siberian Resources (WSR), in base al quale non solo acquisirà una quota del 10% in quest’ultima, ma svilupperà anche progetti nell’esplorazione e produzione di petrolio e gas in Russia, dove WSR possiede asset esplorativi.

Uno dei principali progetti allo studio è la costituzione di una joint venture con le società Tambeyneftgaz e Anadarko per realizzare un progetto integrato di GNL (gas naturale liquefatto) nella penisola di Yamal, che comprende lo sviluppo del giacimento di gas South Tambey e la costruzione di un impianto GNL. Tale progetto consentirà il trasporto del gas verso la East Coast del Canada per la rigassificazione presso l’impianto Repsol YPF Canaport, per essere infine venduto sul mercato East Coast USA.

Inoltre, Repsol YPF sta studiando altri importanti progetti di gas naturale liquefatto in collaborazione con Gazprom.

Il nuovo ufficio sarà situato nel centro di Mosca, e sarà frequentato da personale di diverse nazionalità, tra cui spagnoli e russi.

Fonte: Repsol

Condividi questo articolo:

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp